La morte ha sorriso all’assassino (1973)

Pubblicato: 20 febbraio 2011 in Horror

la morte ha sorriso all'assassino

Più volte Joe D’Amato (al secolo Aristide Massaccesi) ha dichiarato che l’horror fosse il suo genere preferito. E’ per questo che spesso ha contaminato moltissime sue pellicole di ben altro genere (erotiche e non solo) con elementi orrorifici. Ed è per questo che, quando nel 1973 ha diretto questa splendida pellicola, ha deciso di firmarla con il suo vero nome abbandonando i suoi infiniti pseudonimi. Massaccesi credeva (e a ragione) moltissimo in quest’opera, un horror gotico ambientato ai primi del ‘900 che a tratti sembra quasi un giallo con tanto di indagine poliziesca; d’altronde che il film sia molto sentito dal regista lo si percepisce in ogni inquadratura, nella splendida fotografia (curata dallo stesso Massaccesi, che era un direttore della fotografia con i controfiocchi) e nell’eleganza globale della confezione: insomma non sono presenti quelle cadute di stile e qualche volgarità un po’ gratuita che quasi sempre hanno caratterizzato le opere del buon Aristide.

lamortehasorriso1

lamortehasorriso2

Una giovane donna, Greta (Ewa Aulin), perde la memoria in seguito ad un incidente con una carrozza e trova ospitalità presso la villa di due ricchi possidenti (Sergio Doria e Angela Bo). I due accolgono la fanciulla con grande ospitalità, fin troppa… giacchè la smemorata finisce a letto col marito prima e con la moglie poi. Ma anche il dottore che le presta le prime cure (Klaus Kinski) si interessa a lei, e soprattutto si interessa all’amuleto che la donna indossa al collo. Il dottore infatti sta portando avanti dei misteriosi esperimenti atti a riportare in vita i defunti tramite antichissime formule attribuite agli Inca e quell’amuleto gli è molto familiare… Le cose si complicano quando la moglie scopre la tresca di Greta con il marito e, in un raptus di gelosia, la uccide murandola viva. Ma qualche giorno dopo, durante una festa in maschera, Greta ricompare misteriosamente con il volto scheletrico e comincia a perseguitare la padrona di casa spingendola al suicidio (o forse spingendola ella stessa giù da una finestra)… e i morti non finiranno qui…

lamortehasorriso3

lamortehasorriso4

E’ interessante notare come la locandina “strilli” in primo piano il nome di Klaus Kinski (sempre a suo agio nei panni del mad doctor di turno) accanto a quello della protagonista femminile Ewa Aulin; peccato che il buon Klaus venga ucciso dopo una mezz’ora scarsa di film, con un autentico colpo di scena difficile da prevedere. Molto interessante il ruolo del commissario interpretato da Attilio Dottesio, caratterista molto noto nel cinema di genere italiano che, una volta tanto, non si limita ad una brevissima comparsata. Sulla bellezza quasi disturbante di Ewa Aulin, poi, c’è ben poco da dire: il ruolo di donna diabolica le calza a pennello… così come a Luciano Rossi calza a pennello quello del matto allucinato che cerca di far rivivere la sua amata sorella morta… venendo amorevolmente ripagato da un gatto gettatogli in faccia che gli scarnifica il volto (sequenza assolutamente cult giustamente celebrata sulla locandina). Piccola partecipazione anche per Giacomo Rossi Stuart, un autentico habitué del genere horror gotico tricolore da “Operazione paura” a “La notte che Evelyn uscì dalla tomba”. Il montaggio, soprattutto nella prima parte, è un po’ contorto e quasi disorientante ma alla fine tutti i tasselli vanno al loro posto.  E le musiche splendide di Berto Pisano impreziosiscono ulteriormente il tutto. Incredibilmente questo gioiellino è ancora inedito in dvd. Scandalo.

lamortehasorrisotitoli

Cast principale:

Ewa Aulin

Klaus Kinski

Luciano Rossi

Attilio Dottesio

Giacomo Rossi Stuart

Regia: Aristide Massaccesi

Edizioni in vhs: Lamberto Forni

* AGGIORNAMENTO *

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...