Tentacoli (1977)

Pubblicato: 3 dicembre 2011 in Horror

tentacoli

Dopo che “Lo squalo” aveva terrorizzato gli spettatori di tutto il mondo e dopo che anche “L’orca assassina” e “Tintorera” avevano dato un altro bel contributo, l’horror acquatico diventò un filone che alcuni scaltri produttori cercarono di sfruttare.. e figuriamoci se noi italiani ci facevamo sfuggire questa opportunità! Ecco quindi che quel gran marpione di Ovidio Assonitis si imbarca (gioco di parole pessimo, lo ammetto) in una produzione coraggiosa e produce, scrive e dirige egli stesso un film su un clamoroso polipone gigante che miete vittime sulla costa californiana. Il rischio di sfornare una pellicola involontariamente comica e demenziale era decisamente altissimo ma Assonitis gira invece un film davvero niente male; certo, gli effetti speciali non sono esattamente il massimo e quando entra in scena il “mostro” si vede fin troppo chiaramente che si tratta di una miserrima piovra di gomma ma le musiche, le ottime riprese e il montaggio creano la giusta tensione e atmosfera e lo spettatore non ha il tempo di soffermarsi a sghignazzare più di tanto. Lo sforzo produttivo di Assonitis lo si coglie soprattutto nella scelta  del cast: ci sono Henry Fonda e John Huston (mica pizza e fichi!) e se si pensa al fatto che Assonitis avrebbe voluto scritturare nientepopodimenochè John Wayne (costretto a rinunciare alla parte solo per via del cancro che ormai lo affliggeva) ci facciamo un’idea ancora più chiara di quanto il regista/produttore credesse in questo progetto…

tentacoli1

tentacoli2

Nella cittadina di Solana Beach si verificano strane morti: dapprima un bambino, incautamente lasciato per pochi attimi incustodito su un molo, sparisce nelle acque con tutto il passeggino e poi tocca ad un vecchio armatore che stava pulendo il ponte della sua barca. I due corpi vengono ripescati a molte miglia di distanza dai luoghi delle sparizioni ridotti a scheletri, completamente maciullati. Risulta subito evidente che non può essere opera degli squali: i corpi danno la sensazione di essere stati risucchiati, come svuotati da enormi ventose. Il giornalista Turner (John Huston), affiancato da un giovane oceanologo (Bo Hopkins), cerca di far luce sul caso e, dopo la sparizione di due sub, si convince che in quelle acque ci sia qualcosa di estremamente pericoloso che attacca gli uomini e mette in relazione le misteriose morti con la costruzione di un tunnel sottomarino e con alcuni rivelatori sismici che, emettendo onde radio, potrebbero infastidire o in qualche modo richiamare l’attenzione di qualche misteriosa creatura degli abissi. Naturalmente la società che sta effettuando gli scavi non ha nessuna intenzione di fermarsi e intanto manca davvero poco allo svolgimento di una gara di vela che vede una cinquantina di persone iscritte…

tentacoli3

tentacoli4

Come già accennato in precedenza, le musiche di Stelvio Cipriani svolgono un ruolo fondamentale per creare la giusta tensione: il jingle che accompagna le scene clou nelle quali si intuisce che il mostro sta per colpire è assolutamente geniale. Inoltre, come avveniva spesso in quegli anni, viene riutilizzato un tema di un altro suo film famoso (“La polizia sta a guardare”), anche se riarrangiato per l’occasione. Cult.

tentacolititoli

Cast principale:

John Huston

Bo Hopkins

Shelley Winters

Henry Fonda

Delia Boccardo

Sherry Buchanan

Regia: Oliver Hellman (Ovidio Assonitis)

Edizioni in dvd: Pulp

Formato video 2,35:1 anamorfico

commenti
  1. Admiral Benbow ha detto:

    qui siamo ai limiti del cinema “italiano”, con Assonitis, figlio delle piramidi, e Stelvio Cipriani a tenere alta la bandiera tricolore. Assonitis comunque è quello che poi – non accreditato – ci riproverà nel 1981 con “Piraña Paura”, e che da sceneggiatore conta niente-po-po-di-meno che il cultissimo erotico “Laure” e “Stridulum”.

  2. johntrent70 ha detto:

    … e non dimentichiamo il fondamentale “Chi sei?”, uno degli horror italiani più belli di tutti i tempi!

  3. Lo zombi acquatico forse poteva stare bene anche qui 😉 😀

  4. Ma lo sai che esiste anche in super 8, pur essendo introvabile, Giulio? Grandioso lavoro. Queste pagine sono davvero molto interessanti!

  5. johntrent70 ha detto:

    Grazie per i complimenti, GL… 🙂
    Del super 8 di “Tentacoli” mi ricordo, il noleggiatore dove mi rifornivo credo fosse davvero uno dei più grossi d’Italia: aveva praticamente tutto!!! Questo però è uno di quei titoli che non ho mai noleggiato… 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...