La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori (1975)

Pubblicato: 2 luglio 2012 in Noir

la citt+á sconvolta

Dopo aver diretto la strepitosa trilogia del “milieu” (composta da “Milano calibro 9”, “La mala ordina” e “Il boss”) e dopo aver compiuto un’incursione memorabile nel poliziesco (con “Il poliziotto è marcio”) Fernando Di Leo prosegue il suo personalissimo viaggio all’interno del noir dirigendo un film su commissione fortemente voluto dal produttore Galliano Juso, sempre molto attento all’attualità, che voleva porre l’attenzione sui sempre più frequenti sequestri di persona che avvenivano in Italia nella prima metà degli anni ’70. Lo spunto di partenza viene quindi dalla produzione (Juso firma in prima persona il soggetto del film) ma il grande regista di San Ferdinando di Puglia impone comunque la sua impronta autoriale e il suo inconfondibile tocco scrivendo la sceneggiatura a 2 mani con Ernesto Gastaldi e riuscendo a dare all’opera la stessa forza e lo stesso impatto visivo ed emotivo dei suoi lavori precedenti così giustamente celebrati. Dopo il meraviglioso “Il poliziotto è marcio” Merenda diventa praticamente (insieme al sommo Vittorio Caprioli) una sorta di attore-feticcio per Di Leo che stavolta si diverte a cucirgli addosso un personaggio estremamente positivo che si batte praticamente da solo contro un’organizzazione criminale e per il quale, ovviamente, lo spettatore non può far altro che tifare…

lacittasconvolta1

lacittasconvolta2

Antonio e Fabrizio sono due bambini molto amici e frequentano la stessa scuola anche se le loro condizioni economiche sono agli antipodi: Antonio è infatti figlio del ricchissimo ingegner Filippini (James Mason) mentre il papà di Fabrizio è il modesto (e vedovo) meccanico Mario Colella (Luc Merenda). L’amicizia tra i due bambini sarà in un certo qual modo fatale: una banda di criminali intende rapire il piccolo Antonio e, quando mette in atto il rapimento nei pressi della scuola, si trova a dover fare i conti con la resistenza del ragazzo e anche dell’amico Antonio che, intervenendo in difesa del compagno, intralcia notevolmente l’operazione costringendo i malfattori a caricare entrambi i bambini in macchina per non perdere ulteriore tempo. La richiesta del riscatto è di quelle che lasciano senza fiato: 10 miliardi di lire. Ma se l’ing. Pellegrini riesce a mantenere un invidiabile sangue freddo il povero Colella è invece disperato e non riesce a darsi pace anche perchè, ovviamente, non può contribuire in alcun modo al pagamento di nessun riscatto, viste le sue condizioni economiche disagiate. Il commissario di polizia Magrini (Vittorio Caprioli) coordina le indagini mentre intanto il Pellegrini prende tempo in quanto, così facendo, è convinto di snervare i rapitori e di poter negoziare con loro ottenendo uno sconto. Purtroppo questo suo continuo traccheggiare finisce invece con l’indispettirli ed essi decidono di attuare una feroce azione dimostrativa, uccidendo a bruciapelo con un colpo di pistola il figlio del meccanico. Ed ecco che quindi l’uomo mite e disperato decide di farsi giustizia da solo…

lacittasconvolta3

lacittasconvolta4

Merenda è davvero intenso e convincente, Mason è gelido come il marmo anche nella terrificante scena del riconoscimento del cadavere in obitorio (fino a quel momento non si sapeva ancora quale dei due bambini fosse stato ucciso, anche se era intuibile) e Caprioli veste i soliti panni del commissario napoletano dalla battuta facile i cui interventi servono a spezzare, di tanto in tanto, la tensione. Ho sempre trovato, invece, un po’ gigioneggiante e troppo di maniera l’interpretazione di Valentina Cortese, moglie affranta del ricco ingegnere intrallazzatore. Capita. Belle (è superfluo dirlo) le musiche del grandissimo Luis Enriquez Bacalov che, in alcune sequenze, ricicla la main theme di “Milano calibro 9” leggermente riarrangiata.

lacittasconvoltatitoli

Cast principale:

Luc Merenda

James Mason

Valentina Cortese

Vittorio Caprioli

Marino Masè

Irina Maleeva

Regia: Fernando Di Leo

Edizione in Super 8: Medusa (4 bobine da 180 mt)

Edizioni in dvd: Rarovideo

Formato video 1,85:1 anamorfico

commenti
  1. LORENZO ha detto:

    Tutti e sottolineo tutti, i film di Fernando Di Leo vanno assolutamente visti, rivisti e possibilmente reperiti in dvd RAROVIDEO (ricchi di extra, interviste, curiosità, ecc..) indipendentemente dal fatto che la trilogia del “milieu” sia di un livello superiore,

    • johntrent70 ha detto:

      Lorenzo, sono d’accordo con te sulla necessità di recuperare tutti i film di Di Leo però la Rarovideo con Fernandone nostro qualche toppata l’ha fatta: “Colpo in canna”, “Gli amici di Nick Hezard”, “I padroni della città” e “Vacanze per un massacro” sono inspiegabilmente in formato letterbox…
      Lo so, sono un pignolo…. 😀

  2. Non c’è che dire, Fernando Di Leo confeziona un altro film decisamente molto bello. Io però Luc Merenda non riesco a vederlo se non nei panni del poliziotto (ne gli amici di Nick Herzog mi ha fatto un pò ridere ad esempio…), e poi il divario fra i due padri, appartenenti a classi sociali differenti, mi sembra sia troppo sottolineato…

  3. Giuseppe D'Arimatea ha detto:

    Il film, pur non essendo al pari della trilogia, è veramente ben fatto ed ha un tiro tremendo. La somma delle parti è di gran lunga superiore ai singoli addendi (acting, regia, fotografia). Mi è piaciuta moltissimo l’interpretazione del commissario (Vittorio Caprioli). Il finale al circo è presa di peso da “La mala ordina”, purtroppo senza il carisma di Adorf. Grandissimi inseguimenti.

    La colonna sonora è la stessa di Milano Calibro 9 (il “Tema” degli Osanna composto da Bakalof).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...