Il secondo tempo di Max Pezzali

Pubblicato: 19 novembre 2012 in Musica

Quando Max Pezzali ha interpretato per la prima volta al festival di Sanremo del 2011 la canzone “Il mio secondo tempo” ne avevo ascoltato e apprezzato il testo, una riflessione sul percorso di vita di un uomo che, giunto alla soglia dei 44 anni, traccia un bilancio delle sue esperienze e si rende conto di essere appena a metà del viaggio e che forse il bello deve ancora arrivare (da qui il suo “secondo tempo”, proprio come in un film). Ora vi starete chiedendo cosa c’entra tutto questo con il cinema di genere italiano anni ’70, con il mio (o il nostro) vizio e con questo blog. La risposta è nel videoclip ufficiale della canzone, nato dalla creatività dei Manetti Bros, noti estimatori del cinema di genere italiano. Si parla di secondo tempo? Bene, l’ambientazione è proprio quella di un cinema e, mentre Pezzali canta il suo pezzo piazzandosi all’imbocco delle scale che conducono dalla platea alla galleria, ci viene mostrata la storia d’amore tra un venditore di bibite (Giampaolo Morelli) e una abituale frequentatrice del cinema (Francesca Inaudi). Tra i due nasce un fitto gioco di sguardi, ammiccamenti e sorrisi mentre intanto sul grande schermo scorrono immagini di eroi e avventure che sono in pratica i veri testimoni di ciò che avviene tra i due (il resto del pubblico in sala, naturalmente, guarda i film) fino a quando lui non nasconde un anello di fidanzamento all’interno di un sacchetto di popcorn per confessarle il suo amore. Solo un bambino (che simboleggia Pezzali da piccolo), seduto nella fila dietro la ragazza, nota la scena e sorride… Ma la cosa più gustosa qual è? Che tutta la storia si svolge in un lontano 1976… e quindi ambientazione d’epoca, locandine d’epoca che fanno bella mostra di sé nell’androne della sala e, soprattutto, immagini d’epoca prese da vari film italiani anni ’70 (commedie sexy, polizieschi e western). Sono riconoscibili le locandine di “Lo strano vizio della Signora Wardh”, “La coda dello scorpione”, “Perchè quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer?”, “Milano odia: la polizia non può sparare”, “Milano trema: la polizia vuole giustizia”, “Giovannona coscialunga disonorata con onore”, “Lo chiamavano Tresette… Giocava sempre col morto” e “La liceale”. Non solo: in alcune scene vediamo il simpatico faccione del buon Max che continua a cantare la canzone  e si sostituisce, di volta in volta, ai personaggi sullo schermo… Ed ecco che, come per magia, Pezzali dapprima si trasforma nel Tomas Milian di “Milano odia: la polizia non può sparare” che sta per essere ucciso dal commissario Henry Silva, poi nel Pippo Franco di “Giovannona coscialunga disonorata con onore” che scarrozza a bordo della sua 500 Edwige Fenech, poi nel George Hilton che si avvia al patibolo in “Lo chiamavano Tresette… Giocava sempre col morto”, poi in Renzo Marignano che strabuzza gli occhi di fronte alle gambe aperte di Gloria Guida durante una lezione di storia dell’arte e in Enzo Cannavale al quale viene pestata una mano mentre è nascosto sotto il letto di Gisella Sofio ne “La liceale” ed infine nel malinconico Luc Merenda nel finalone di “Milano trema: la polizia vuole giustizia”. Potete notare meglio tutti questi particolari nei frames comparativi qui sotto. Oltre ad essere gradevole e simpatico, il video mi sembra un sincero e riuscito omaggio a quella meravigliosa stagione del cinema italiano che fu e mi è sembrato carino celebrarlo in occasione dei 100 film fin qui recensiti su questo blog. E poi, alla fine, vuoi vedere che magari anche Pezzali ha il mio vizio? 🙂

secondotempo1

secondotempo2

secondotempo3

secondotempo4

secondotempo5

secondotempo6

secondotempo7

secondotempo8

secondotempo9

secondotempo10

secondotempo11

secondotempo12

secondotempo13

secondotempo14

secondotempo15

secondotempo16

secondotempo17

secondotempo18

secondotempo19

commenti
  1. Sonia ha detto:

    Ecco la sorpresa!!!!!! 😀
    Direi che non mi piace………………………mi STRAPIACE!!!!!!! 😉

  2. AlfredoRiva ha detto:

    Avevo anch’io notato questo video, che mi ha quasi… commosso. Come dicevano i Pooh in “Cercami” (1978), NOI NON SIAMO SOLI !

  3. johntrent70 ha detto:

    Eheheheheheheheh!!!! 😀
    Per restare in ambito musicale l’album “Boomerang” (dal quale è tratta “Cercami”) è uno dei miei preferiti dei Pooh. 🙂
    Ed erano gli stessi Pooh a cantare “Comincia da qui il secondo tempo della vita mia…” in “Cercando di te”… Però era il 1996, siamo fuori giurisdizione… 😀

  4. Francesco ha detto:

    “Il mio secondo tempo” di max pezzali mi aveva colpito parecchio gia’ sul palco di Sanremo, ma non fu’ capita da tutti. Il video e’ bellissimo.
    Da segnalare che la passione dei Manetti per il cinema di genere li ha portati ha realizzare un piccolo capolavoro di film: Song ‘e napule. Chiari omaggi ai polizzieschi anni 70 ci sono oltre che nella trama anche nelle scene iniziali e nell’inseguimento finale con l’alfa giulia.
    Memorabile e meritatamente premiata la colonna sonora. Da non perdere per gli amici di johntrent.

  5. johntrent70 ha detto:

    Il video e la canzone di Pezzali sono fantastici. Tuttavia non amo i Manetti (che qui hanno fatto però un lavoro splendido) e non ho visto “Song’e Napule”; dici che devo colmare la lacuna?

  6. Francesco ha detto:

    Non posso crederci! Ti ho beccato! Non puoi non vederti song e napule non puoi! Film bellissimo,bravi attori e bella colonna sonora,grande buccirosso e paolo sassanelli.guardalo che poi ti chiedo un paio di cose

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...