Nelle pieghe della carne (1970)

Pubblicato: 12 maggio 2014 in Thriller

nelle pieghe della carne

“… E all’improvviso un urto violento che lascia nella mente un graffio profondo, un’alterazione permanente… Ciò che è stato resta inchiodato al cervello, annidato nelle pieghe della carne, distorto, ti condiziona, inconsciamente ti costringe… “

Un caleidoscopio sul quale vengono proposte citazioni psico-analitiche tratte da Freud ci introduce a questo delirante e bizzarro thriller che gli amanti del cinema di genere italiano non possono non amare alla follia. Da un soggetto di Fabio De Agostini e Mario Caiano (cui, in fase di sceneggiatura, si aggiunge il regista Sergio Bergonzelli), “Nelle pieghe della carne” è una di quelle pellicole incredibili che è quasi un delitto raccontare… anche perchè, nel caso specifico, la sceneggiatura riserva così tante sorprese e colpi di scena ravvicinati che l’impresa si profila assai ardua.Bergonzelli firma un thriller dalle tinte fosche che sfocia nell’horror spesso e volentieri in un tripudio di teste mozzate, corpi saponificati e disciolti nell’acido e perfino flashback in bianco e nero con camere a gas naziste; seguire lo sviluppo della storia risulta piuttosto complesso ma alla fine, nonostante la sceneggiatura sia parecchio intricata, il puzzle si ricompone… Le protagoniste principali sono le bravissime Eleonora Rossi Drago e Anna Maria Pierangeli, autentici angeli della morte, affiancate da un gruppo di attori spagnoli (il film è appunto una co-produzione italo-spagnola) nel quale spicca la corpulenta figura di Fernando Sancho che regala perfino un nudo tanto inaspettato quanto molesto… 🙂 In estrema sintesi: guardare questo film è un’esperienza irrinunciabile…

nellepieghedellacarne1

nellepieghedellacarne2

Antefatto: due auto della polizia inseguono un evaso (Fernando Sancho) che sta fuggendo a bordo di una moto. All’interno di un castello a picco sul mare c’è una donna inginocchiata (Eleonora Rossi Drago), il corpo di un uomo decapitato e due bambini di circa 8 anni (un maschio e una femmina) che osservano immobili. La donna avvolge il cadavere in un tappeto e scava una buca in giardino per seppellirlo. Il fuggiasco, abbandonata la moto, risale dalla spiaggia fin su al giardino del castello e vede tutta la scena; una volta sepolto il corpo, la donna si reca in spiaggia e mette in moto un motoscafo, abbandonandolo alla deriva. La polizia, dopo un breve inseguimento a piedi, riesce a catturare il fuggitivo. La donna, con una mano ancora insanguinata, chiude il cancello del giardino… Sono passati 13 anni e i personaggi ci vengono presentati in maniera più chiara: la donna che ha sepolto il corpo è Lucille, la governante del castello, e i due bambini, ormai cresciuti, sono rispettivamente Falaise (Anna Maria Pierangeli), figlia del padrone di casa, e Colin (Emilio Gutiérrez Caba), nipote della governante. L’uomo decapitato era Andrè, papà di Falaise, decapitato dalla bambina con una spada dopo che lo stesso le aveva usato violenza. La governante ne aveva occultato il corpo e aveva fatto credere che Andrè fosse morto annegato dopo aver fatto naufragio con il suo motoscafo… La vita nel castello continua quindi abbastanza tranquilla ma chi ha la sventura di capitarvi difficilmente salva la pellaccia perchè Lucille, Falaise e Colin hanno stretto un tacito e diabolico accordo: è il caso, ad esempio, di Michel (Victor Alcazar), un lontano cugino che ricompare dopo tanti anni e che prima finisce a letto con Falaise e dopo si ritrova pugnalato a morte dalla stessa. Finanche il suo cane, che era andato a scavare proprio nella zona in cui erano sepolti i resti di Andrè, trova la morte e viene brutalmente strangolato da Colin. Lucille e Colin faranno poi sparire il corpo di Michel sciogliendolo nell’acido… E non è finita: la stessa triste sorte tocca ad Alex, un amico di Michel che, giunto al castello, si mette a corteggiare Falaise e finisce a letto con lei. Dapprima riesce a schivare una coltellata di costei ma nulla può contro Colin che, piombato alle sue spalle, lo decapita con una spada. E quindi anche lui finisce disciolto… E ancora: piomba nel castello il brigante Pascal, ovvero l’evaso che 13 anni prima aveva assistito alla sepoltura del padrone di casa in giardino ad opera di Lucille. L’uomo minaccia i 3 con una pistola e tenta di ricattarli chiedendo la somma di 200.000 dollari in cambio del suo silenzio. Sulle prime sembra che il manigoldo possa avere la meglio ma non ha fatto i conti con la diabolica Lucille che riesce a beffarlo preparandogli una trappola mortale: prima che l’uomo si conceda un bagno ristoratore Lucille ha piazzato due pasticche di cianuro sull’orologio a cucù appeso sulla vasca. Allo scoccare delle 11 il cucù esce dalla sua casetta, facendo così cadere le due pasticche nell’acqua e trasformando il bagno in una sorta di camera a gas… Dopo che Lucille e Colin hanno fatto sparire il corpo con il solito sistema le visite al castello non sono finite, ma stavolta il colpo di scena è clamoroso: ricompare Andrè (Alfredo Majo), che tutti credevano morto! L’uomo rivela di essersi sottoposto ad una plastica facciale e di essersi nascosto in tutti questi anni per un motivo molto semplice: era un uomo di malaffare e il tizio sotterrato nel giardino da Lucille non era altri che un killer che una gang criminale aveva ingaggiato per ucciderlo. Il ritorno di Andrè porterà ad incredibili e sorprendenti sviluppi…

nellepieghedellacarne3

nellepieghedellacarne4

nellepieghedellacarnetitoli

Cast principale:

Eleonora Rossi Drago

Anna Maria Pierangeli

Emilio Gutiérrez Caba

Fernando Sancho

Regia: Sergio Bergonzelli

Edizioni in dvd: cecchi Gori

Formato video 1,85:1 anamorfico

commenti
  1. Alfredo Riva ha detto:

    Anna Maria Pierangeli è stata la ragazza di James Dean (!!!)
    Con questo film cadde così in basso che subito dopo si suicidò…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...