… A tutte le auto della polizia… (1975)

Pubblicato: 26 maggio 2014 in Giallo

a tutte le auto della polizia

Solido film ben diretto (ma questa non è una novità) da Mario Caiano che, malgrado il titolo fuorviante, non è un poliziesco all’italiana in senso stretto ma fonde ottimamente elementi del thriller e del giallo. D’altronde la coppia di sceneggiatori Felisatti/Pittorru (tra i migliori giallisti italiani di sempre) è, in questo senso, una vera e propria garanzia. Ricollegandosi idealmente ad alcuni illustri predecessori sull’argomento “minorenni morbose di buona famiglia, annoiate e coinvolte in loschi giri” (“Cosa avete fatto a Solange?” e, soprattutto, “La polizia chiede aiuto”), il film di Caiano è teso quanto basta e ha uno stile asciutto e para-televisivo (escludendo naturalmente alcuni clamorosi nudi delle ragazzine). Il cast è di tutto rispetto ma Enrico Maria Salerno ha un ruolo tutto sommato marginale, così come Gabriele Ferzetti; sono Antonio Sabàto e Luciana Paluzzi a rubare la scena a tutti e anche Marino Masè, Ettore Manni e, soprattutto, Elio Zamuto si vedono ben poco. Chi si vede tanto è invece la giovane Adriana Falco (che nel precedente “La polizia chiede aiuto” era la Bigi), che regala anche un nudo inaspettato, al pari di Gloria Piedimonte (la futura Guapa della sigla del programma tv Discoring). Senza dimenticare, nel sordido giro di minorenni dedite alla prostituzione, una giovane e non accreditata Ilona Staller, anch’essa desnuda… “… A tutte le auto della polizia…” può accontentare varie tipologie di spettatori, restando ottimamente in bilico tra il poliziesco, il giallo erotico e il thriller (con un paio di sanguinosi omicidi nella seconda parte di matrice quasi “argentiana”). Da vedere.

atutteleautodellapolizia1

atutteleautodellapolizia2

La sedicenne Fiorella Icardi (Adriana Falco) è una ragazza ribelle della Roma bene, figlia di uno stimatissimo chirurgo (Gabriele Ferzetti). Annoiata dai ragazzi della sua età, è probabilmente coinvolta in qualche relazione con qualcuno più grande di lei, dal momento che finge di recarsi a studiare a casa di una compagna di classe ed invece, a bordo del suo motorino, si mette in viaggio diretta chissà dove. I genitori sono troppo presi dai loro impegni per accorgersi di qualcosa: il padre gestisce una lussuosa e costosissima clinica privata e la madre (Bedy Moratti) trascorre le giornate giocando a carte a casa di amici. Una sera, però, Fiorella non fa ritorno a casa. Dopo aver scoperto che la ragazza non era mai stata a casa della sua amica per studiare, il Prof. Icardi, approfittando delle sue amicizie influenti, comincia a smuovere mari e monti e riesce ad arrivare al capo della squadra mobile Carraro (Enrico Maria Salerno), che deve dare massima priorità al caso. Carraro incarica delle indagini il commissario Solmi (Antonio Sabàto) che si dà da fare ma si mostra anche un po’ indolente perchè secondo lui la polizia dovrebbe essere sempre così efficiente anche nei casi di sparizioni di ragazzine appartenenti a ceti sociali più bassi e non solo quando c’è di mezzo una famiglia importante. Nessuna pista viene scartata: dall’allontanamento volontario (ma la ragazza non ha prelevato soldi dal suo libretto di risparmio) alla fuga d’amore, dal rapimento all’omicidio. Con l’impiego di unità cinofile si arriva nei pressi di un lago, luogo di ritrovo per coppiette, dal quale viene ripescato il corpo della giovane legato al suo motorino. Prima di essere legata e gettata in acqua l’assassino le aveva sparato un colpo di pistola alla nuca e l’esame autoptico rivelerà inoltre che la giovane era incinta di 3 mesi! Le indagini di Solmi e di una solerte agente (Luciana Paluzzi) si snodano all’interno della scuola e nella cerchia degli influenti amici di famiglia che bazzicavano casa Icardi (onorevoli, sottosegretari etc.). Viene anche ascoltato Mamolo (Ettore Manni), proprietario di un ristorante sul lago che spesso si recava a spiare le coppiette, ma la sua testimonianza non fornisce elementi utili per gli inquirenti. Un colpo di scena viene fornito da Carla (Gloria Piedimonte), un’altra compagna di Fiorella, che viene notata all’uscita da scuola mentre sale a bordo di un’auto di grossa cilindrata. Seguita da una pattuglia, l’auto conduce la ragazza in una enorme villa fuori città e si scopre che il luogo è una casa d’appuntamento per uomini facoltosi dove si prostituiscono anche delle minorenni. Il proprietario, Franz Pagano (Marino Masè), viene arrestato: anche lui era un habitué di casa Icardi però Fiorella non era mai stata coinvolta nel giro delle baby-squillo. Le carte si mischiano sempre di più nel momento in cui uno stimato ginecologo (Franco Ressel), che spesso aveva fornito i suoi “servigi” a Franz facendo abortire qualche ragazzina della allegra combriccola, viene sgozzato nel suo studio; il dottore conosceva Fiorella ed era stato proprio lui a confermarle l’esistenza della gravidanza. E anche il guardone Mamolo, che in realtà aveva visto più di quanto aveva detto alla polizia, viene strangolato…

atutteleautodellapolizia3

atutteleautodellapolizia4

atutteleautodellapoliziatitoli

Cast principale:

Antonio Sabàto

Enrico Maria Salerno

Gabriele Ferzetti

Luciana Paluzzi

Ettore Manni

Marino Masè

Elio Zamuto

Gloria Piedimonte

Regia: Mario Caiano

Edizioni in dvd: Alan Young

Formato video 1,85:1 anamorfico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...