Baciamo le mani (1973)

Pubblicato: 10 giugno 2015 in Noir

baciamo le mani

Brillante esordio alla regia per Vittorio Schiraldi, soggettista, sceneggiatore, documentarista e regista di spot pubblicitari, nonché autore di numerosi romanzi. “Baciamo le mani” è proprio l’ adattamento cinematografico del suo primo romanzo, dal titolo omonimo. Si tratta di un’ amara e attenta riflessione sul passaggio generazionale dalla vecchia alla nuova mafia palermitana, spietata, pronta a tutto e senza regole, che va a contrapporsi al vecchio ordine precostituito dalle famiglie in una continua escalation di sangue e di violenza. Non c’ è più rispetto per niente e per nessuno e la pellicola descrive proprio questo contrasto tra un giovane e violento boss rampante pronto a tradire chiunque per ottenere i suoi scopi (un John Saxon quanto mai “alterato”) e un vecchio e prudente capofamiglia ancorato alla tradizione e al vecchio codice d’ onore (Arthur Kennedy). Gli amanti dei mafia-movies non resteranno delusi ma è un film che può piacere anche ai non appassionati del genere.Indubbiamente Schiraldi strizza più di un occhio a “Il padrino” (la scena del matrimonio) con alcune puntatine da Palermo a New York (che danno ancor più il senso dell’ “internazionalizzazione” della mafia emergente) e dimostra una buona padronanza del mezzo cinematografico. Alcune scene sono davvero memorabili e da cazzotto nello stomaco: l’ uccisione del vecchio boss Daniele Vargas, quella della povera Agostina Belli (affogata in un lavandino!) e quella dei 2 corpi ricoperti di terra da una ruspa in un cantiere edilizio tra l’ indifferenza degli operai al lavoro… Buone e incisive le musiche del maestro Enrico Simonetti. Misteriosamente ancora inedito in dvd sul territorio italico, è da tempo però disponibile in una edizione ceca (!) contenente la lingua italiana.

baciamolemani1

baciamolemani2

Palermo. Stefano (Joshua Sinclair), figlio del boss mafioso Don Angelino Ferrante (Arthur kennedy), viene ucciso in un agguato per non aver voluto vendere un terreno di sua proprietà a Gaspare Ardizzone (John Saxon) detto il “tunisino”, un giovane boss dedito all’ abusivismo edilizio selvaggio che sta tentando la scalata al vertice e mira ad entrare nel gran consiglio dei più importanti capofamiglia. Luca (Spiros Focàs), cugino di Stefano, vorrebbe vendicare l’ affronto ma il saggio Don Angelino preferisce non scatenare alcuna rappresaglia e, per sistemare le cose alla vecchia maniera, chiede l’ intervento del vecchio boss Santino Billeci (Daniele Vargas), ex capofamiglia potentissimo ritiratosi da tempo in una sorta di esilio dorato negli Stati Uniti. Recatosi prontamente a Palermo, Don Santino viene però prelevato all’ aeroporto da Ardizzone e da 2 scagnozzi che fingono di accompagnarlo a casa di Don Angelino e invece lo freddano a colpi di mitra in una campagna isolata. Dopo poco c’ è una riunione al vertice indetta per riconoscere Ardizzone come capo e l’ unico ad opporsi a questa eventualità è Don Angelino che fa presente all’ assemblea di aver perso un figlio a causa sua senza battere ciglio; prima di abbandonare l’ incontro ammonisce tutti i boss del pericolo che rappresenterà Ardizzone per tutti, abituato com’ è a non avere rispetto per nessuno… A Masino D’ Amico (Pino Colizzi), amico d’ infanzia di Stefano, viene intanto conferito l’ incarico di sorvegliare la giovane e bella vedova di Stefano, Mariuccia (Agostina Belli): fatalmente i 2 si innamorano e Mariuccia si scoprirà presto incinta. Su di lei continuano le pressioni di Ardizzone per l’ acquisto del famoso terreno che ha causato la morte del marito (e che ora lei ha ereditato) e Masino la convince a venderlo prospettandole la possibilità di costruire, con il ricavato della vendita, un futuro insieme lontani da Palermo. Purtroppo ciò non avverrà: non appena viene siglato l’ atto di vendita Mariuccia viene uccisa dopo che Masino è stato colpito alle spalle. Quando Masino scopre il cadavere si nasconde per la vergogna ma viene trovato dall’ anziano padre Don Nicola (Giuseppe Addobbati), intimo amico di Don Angelino, che lo spinge a spararsi per non essere stato in grado di proteggere Mariuccia. Da questo momento scatta la vendetta di Luca, che ne ha viste fin troppe ed è rimasto inerme per troppo tempo: dapprima uccide il mediatore nella vendita del terreno di Stefano e poi fa fuori altri 3 uomini di Ardizzone. Dal canto suo il giovane boss in costante escalation non tarderà a rispondere…

baciamolemani3

baciamolemani4

baciamolemanititoli

Cast principale:

Arthur Kennedy

John Saxon

Agostina Belli

Pino Colizzi

Marino Masè

Spiros Focas

Regia: Vittorio Schiraldi

Edizioni in dvd: Ritka (Repubblica Ceca)

Formato video 1,85:1 anamorfico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...