Il medaglione insanguinato (1975)

Pubblicato: 18 marzo 2018 in Horror

il medaglione insanguinato

Horror d’atmosfera firmato dal grande Massimo Dallamano che si cimenta nel thriller esoterico e, ancora una volta, riesce a far centro. L’intrigante ed affascinante Spoleto, magistralmente fotografata da Tonino Delli Colli, è la cornice perfetta per questo dramma sovrannaturale che parte con una certa lentezza ma procede in crescendo trasportandoci verso un finale struggente e malinconico. Protagonista assoluta è la piccola Nicoletta Elmi (che all’epoca aveva 11 anni) che si dimostra assolutamente bravissima e perfetta nei panni della bambina demoniaca e posseduta; l’influenza de “L’esorcista” è palese, anche se Dallamano non indugia nei clichè del capolavoro di Friedkin (giusto una parolaccia rivolta alla baby sitter e stop) ed insiste più che altro sulla componente edipica. Una Elmi decisamente star assoluta, anche se l’intero cast è bello massiccio: Richard Johnson, la bellissima Evelyn Stewart (qui però in versione capello corto che non le si addice tantissimo), Edmund Purdom, Riccardo Garrone, Lila Kedrova e Joanna Cassidy (sette anni prima di “Blade runner”, giusto  per far capire cosa fosse l’incredibile cinema italiano degli anni ’70). Scusate se è poco.
La sceneggiatura (scritta dallo stesso Dallamano con Franco Marotta e Laura Toscano) si concentra molto sulla caratterizzazione dei personaggi e di sangue ce n’è davvero poco: pur essendo un horror gli effetti speciali sono risicatissimi (alcuni anche piuttosto rozzi, se pensiamo a Dana Ghia che precipita tra le fiamme) e si puntano tutte le sue carte sull’atmosfera e l’inquietudine, vincendo alla grande (la parola “Perchè?!” ripetuta varie volte nel finale mette davvero i brividi). E qui, come già detto, entra in ballo l’ottima fotografia di Franco Delli Colli e le superbe musiche di Stelvio Cipriani si rivelano, al solito, fondamentali.

ilmedaglioneinsanguinato1

ilmedaglioneinsanguinato2

Il documentarista britannico Michael Williams (Richard Johnson) sta completando per la BBC un documentario sul diavolo e le arti diaboliche nell’arte e nella pittura. Le sue ricerche lo conducono da Londra a Spoleto, dove la vecchia contessa Cappelli (Lila Kedrova) si è rivelata una preziosa collaboratrice e gli ha fornito molto materiale. Michael ha una figlia di 10 anni, Emily (Nicoletta Elmi), che gli è molto legata soprattutto dopo la tragica scomparsa della madre (Dana Ghia), morta in un incendio. La bambina, che non ha ancora superato il trauma, soffre di incubi e visioni e gli stessi si sono sensibilmente acuiti da quando Emily ha ritrovato un antico medaglione d’argento appartenuto a sua madre; ciò spinge il medico di famiglia (Edmund Purdom) a consigliare a Michael di portare con sé Emily nel suo soggiorno italiano per farle cambiare aria e allontanarla dal contesto ambientale che sembra tanto turbarla… E così partono alla volta dell’Italia padre, figlia e la baby sitter Jill (Evelyn Stewart).
Una volta giunti a Spoleto Michael si reca dalla contessa Cappelli alla quale mostra la diapositiva di un quadro inquietante che lo affascina enormemente: il quadro raffigura una bambina sulla cui testa incombe il diavolo, gente inferocita con mazze e forconi che la insegue e una donna che brucia… Con l’aiuto dell’organizzatrice di produzione Joanna (Joanna Cassidy) il dipinto misterioso viene rinvenuto all’interno di una villa abbandonata ma le successive riprese effettuate all’interno della villa mostrano un difetto che resta impresso sui negativi: una figura bianca e trasparente sovraimpressa sulla pellicola, identica alla sagoma della bambina nel quadro. Mentre tra Michael e Joanna sboccia una love story (con conseguente sofferenza della baby sitter Jill, segretamente innamorata di Michael da anni) la piccola Emily inizia a mostrare segni di inquietudine legati alla gelosia nei confronti del papà e le sue visioni e i suoi incubi ritornano prepotenti.
Anche la contessa Cappelli va ad ammirare il misterioso quadro da vicino e fa una scoperta: una leggenda racconta che 200 anni prima una bambina, ritenuta una strega, fosse stata perseguitata e uccisa nella villa e che, in quella stessa notte, fosse apparso il famoso dipinto. Grattando un dettaglio di crosta nera sulla superficie del quadro posta sul corpo della bambina la contessa scopre che la stessa indossa un medaglione, del tutto identico a quello di Emily. La bambina morta 200 anni fa si chiamava Emilia…

ilmedaglioneinsanguinato3

ilmedaglioneinsanguinato4

ilmedaglioneinsanguinatotitoli

Cast principale:

Richard Johnson

Joanna Cassidy

Nicoletta Elmi

Evelyn Stewart

Lila Kedrova

Regia: Massimo Dallamano

Edizioni in dvd:

I.I.F. e Arrow (UK)

Formato video 1,85:1 anamorfico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.